Sentinella, quanto resta della notte?

Pronti a partire per questa nuova edizione di Per…corri la Pace; 5 giorni in bicicletta da Brescia a Firenze, passando per Marzabotto, Montesole, Barbiana, Romena, Camaldoli, La Verna, Arezzo, Siena. Tanti km e tante salite. Quindi tanta fatica. Quella stessa fatica che serve per costruire la pace, per concretizzare i principi della nostra Costituzione, per educare alla giustizia e all’accoglienza…
Proprio in queste ore si assiste all’ennesima campagna di odio contro gli stranieri. Questa volta la balla è raccontare che la malaria sta tornando a causa loro. Ma ogni giorno ce n’è una: i richiedenti asilo vanno negli alberghi di lusso e sono tutti stupratori, portano il terrorismo (nonostante siano scappati proprio da quello) e molto altro. Chi diffonde certe menzogne sa di farlo (quindi ha una colpa doppia); chi ci crede senza nessuno spirito critico evidenzia la necessità di lavorare in campo educativo e culturale. Proprio quello che avevano ben presente i testimoni che “incontreremo” idealmente in questo cammino. Il primo (Giuseppe Dossetti), amava citare il verso del profeta Isaia “Sentinella, quanto resta della notte?”.
Ecco; spesso la sensazione è proprio quella di essere immersi in un buio profondo. In una notte della quale si fa fatica a intravedere la fine e che avvolge la nostra cultura, il nostro senso di giustizia e di solidarietà, la capacità di incontrare l’altro e di mettere al centro la persona, le forme di partecipazione reale per costruire il bene comune realizzando la nostra democrazia.
Insomma un buio che ci avvolge e che spesso ci butta nello sconforto e nel pessimismo. Ma poi la sentinella risponde, e ci ricorda che dopo la notte “viene il mattino”. E ognuno di noi è chiamato a contribuire perché l’aurora arrivi il prima possibile e la luce illumini il cuore di ogni uomo, anche di chi sembra solo cinico, arrogante ed egoista. Anche per questo pedaliamo e corriamo. Sappiamo che non basta, e che la vera sfida inizierà dopo il nostro ritorno. Ma è un modo per ricordare che dopo la notte “viene il mattino”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...